Home / Attualità / Auto / Come ridurre i costi dell’auto: dall’acquisto alla manutenzione

Come ridurre i costi dell’auto: dall’acquisto alla manutenzione

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Come ridurre i costi dell'auto

Come ben saprete, possedere un’automobile non significa soltanto dover pagare le rate alla concessionaria o la benzina. I costi sono molti di più, come abbiamo dimostrato in precedenti articoli. Anche se mantenere finanziariamente un’automobile può risultare molto gravoso, in questo articolo vi illustriamo alcuni trucchetti (legali) per farvi capire come ridurre i costi dell’auto.

Come ridurre i costi dell’auto al momento dell’acquisto

Il risparmio può cominciare già dal momento dell’acquisto dell’automobile. Presso il concessionario evitate di dire frasi come “mi piace tantissimo”, “la adoro” ecc. perché se vi mantenete più freddi e distaccati, per convincervi ad acquistarla il venditore potrebbe farvi qualche sconto. Per lo stesso motivo non fategli capire di avere tanti soldi a disposizione; non fatevi convincere dalle rate ma dal prezzo finale dell’auto (il sistema delle rate può indurvi ad acquistare un’auto molto costosa perché “tanto a 200 euro al mese non me ne accorgo nemmeno”). Infine acquistare un’auto in contanti vi evita l’ulteriore costo degli interessi e delle spese delle pratiche di finanziamento.

Come ridurre i costi dell’auto con la manutenzione

Una delle voci più nascoste, ma anche più onerose, del mantenimento dell’auto è la manutenzione. Esistono alcuni accorgimenti che possono farci risparmiare un bel po’ di quattrini. Tanto per cominciare, sarebbe utile imparare un po’ di fai da te per non dover pagare un professionista ogni volta che c’è da cambiare una gomma, sostituire l’olio, aggiustare una lampadina fulminata e così via. Di conseguenza, se siete capaci di effettuare queste operazioni da soli, potreste risparmiare ulteriormente facendo delle ricerche per trovare i pezzi di ricambio a costi più convenienti, approfittando di sconti, promozioni speciali ecc., senza fermarvi al primo rivenditore sotto casa. Può farvi risparmiare in questo senso usare le promozioni come quelle che si possono acquistare su Groupon o altri servizi simili, utili anche per gli interventi dal meccanico. Infine, se non siete orientati su un modello preciso di auto ma ve ne serve una qualsiasi, cercate di acquistare modelli che hanno bisogno di poca manutenzione. In ogni caso ricordate che effettuare la manutenzione regolarmente seguendo le indicazioni del costruttore prolunga la vita utile dell’auto e riduce i costi di interventi imprevisti.

Altri consigli per abbassare il costo dell’auto

  • Guidate con prudenza. Non è solo un consiglio sulla sicurezza, ma anche una tutela del vostro portafoglio visto che guidare in maniera troppo aggressiva usura più in fretta il veicolo.
  • Fate benzina dai no-logo che hanno prezzi più bassi rispetto ai grandi marchi. Durante l’intera vita dell’auto (circa 15-20 anni) avrete risparmiato migliaia di euro. In alternativa, se nella vostra città non ci sono distributori no-logo, prima di fare il pieno controllate online sui comparatori per vedere quale distributore ha il prezzo più basso.
  • Se non guidate tantissimo ma usate l’auto solo per le esigenze quotidiane o per andare al lavoro, stipulate un’assicurazione a chilometro.
  • Ricordate che molte spese per l’auto si possono scaricare dalla dichiarazione dei redditi (assicurazione, bollo, ecc.).
  • Utilizzate la marcia più alta possibile durante la guida per risparmiare benzina.
  • Lavatevi da soli l’auto, e se possibile passate anche la cera per evitare graffi o altri segni.
  • Riducete l’utilizzo dell’aria condizionata, consuma tantissimo carburante. Meglio tenere i finestrini abbassati, almeno finché siete sotto i 100 km/h.
  • Fate un confronto tra le assicurazioni per scegliere quella che vi fa risparmiare di più.
  • Tenete gli pneumatici sempre gonfi, dato che le gomme sgonfie consumano più carburante e si deteriorano prima.
  • Cambiate i tergicristalli regolarmente. I tergicristalli vecchi e danneggiati rischiano di raschiare il parabrezza e danneggiarlo.
  • Se c’è un piccolo danno all’auto, non contattate l’assicurazione. Anche se potrà coprire i costi di riparazione, vi scalerà di classe facendovi poi pagare di più.

Foto: Pixabay

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.