Home / Salute / Medicina / Sostanze cancerogene per l’uomo: la lista della IARC

Sostanze cancerogene per l’uomo: la lista della IARC

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

agenti carcinogeni umani

La IARC, Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, è un organo dell’Oms, Organizzazione Mondiale della Sanità, divenuta improvvisamente famosa, in tutto il mondo ma soprattutto in Italia, per la ricerca pubblicata pochi giorni fa riguardante il rischio per chi consuma carni rosse di contrarre il cancro. In realtà la IARC non nasce oggi, esiste da diversi anni, e in tutto questo tempo ha raccolto dati sul rischio cancro per gli esseri umani da una grandissima quantità di fonti.

In questi anni ha analizzato centinaia di agenti chimici e prodotti naturali per capire quali sono pericolosi per la salute umana e quali no, e li ha suddivisi in cinque categorie di sostanze cancerogene:

  • Gruppo 1: carcinogeni umani (cioè prodotti che fanno venire il cancro);
  • Gruppo 2A: probabili carcinogeni umani (prodotti che sono probabilmente cancerogeni ma per i quali ci vogliono ulteriori studi per accertarne la pericolosità);
  • Gruppo 2B: possibili carcinogeni umani (hanno meno probabilità di causare il cancro rispetto al 2A);
  • Gruppo 3: non carcinogeni;
  • Gruppo 4: probabilmente non carcinogeni.

Quali sono gli agenti carcinogeni umani

Nell’ormai famoso Gruppo 1 sono state inserite le carni rosse lavorate, ma quali altri prodotti pericolosi per la salute umana ci sono? Li abbiamo raccolti qui di seguito.

Tra gli agenti carcinogeni umani più famosi, e con i quali rischiamo di venire in contatto quotidianamente, ci sono sicuramente il fumo (attivo e passivo), il benzene e l’etanolo contenuto nelle bevande alcoliche. Altri prodotti famosi per essere carcinogeni, ma non noti a tutti, sono la formaldeide (usata come disinfettante o conservante), il benzo(a)pirene (presente sia nel fumo che nelle carni bruciate), l’amianto, le aflatossine (sostanze prodotte dai funghi), plutonio, arsenico, carbone, virus vari come quello dell’epatite o il papilloma virus, l’inquinamento atmosferico, le emissioni delle pitture, gli elementi radioattivi, le emissioni solari e quelle dei lettini solari, polvere di legno, i raggi X e radiazioni di ogni tipo.

Abbastanza sorprendente, e probabilmente anche poco noto, è che tra le sostanze cancerogene umane c’è anche la terapia ormonale con estrogeni o proestrogeni, ovvero una terapia che spesso viene assegnata dopo la menopausa che rallenta l’invecchiamento femminile.

Infine c’è una lunga gamma di altri agenti carcinogeni umani meno noti ma anche meno diffusi, con i quali difficilmente si viene in contatto. Eccoli:

  • ciclofosfamide
  • Thiotepa
  • Busulfan
  • Diethylstilbestrol
  • lindano
  • fenacetina
  • Cloruro di vinile
  • acetaldeide (associato al consumo di alcool)
  • etilene
  • 1,2-Dicloropropano
  • Tricloroetilene
  • 2-naftilammina
  • 4-amminobifenile
  • Benzidina
  • orto-Toluidina
  • 4,4′Metilenebis
  • 1,3-Butadiene
  • melfalan
  • Methoxsalen associato alla radiazione ultravioletta
  • Treosulfan
  • Chlorambucil
  • acido aristolochico
  • azatioprina
  • Chlornaphazine
  • Iprite
  • Bis(chloromethyl)ether
  • policlorobifenili
  • 2,3,7,8-Tetrachlorodibenzo-para-diossine
  • Torio-232
  • Berillio
  • Cadmio
  • Radon-222
  • Tamoxifene
  • Radio-224
  • Semustine
  • Radio-226
  • Fosforo-32
  • Polvere di silicio
  • Radio-228
  • N‘-Nitrosonornicotina
  • Cromo
  • Etoposide
  • 2,3,4,7,8Pentachlorodibenzofuran
  • 3,4,5,3’,4’-Pentachlorobiphenyl
  • ciclosporina
  • Erionite
  • Petrolio scisto
  • Acheson process
  • Acidi misti
  • noce di Areca
  • Auramina
  • benzidina
  • betel
  • infezione da Clonorchis sinensis
  • stronzio-90
  • Fluoroedenite anfibolo fibroso
  • Ematite
  • radiazioni ionizzanti
  • polvere di pelle
  • magenta
  • oli minerali non trattati
  • agenti alchilanti
  • nickel
  • infezione da Opisthorchis viverrini
  • fenacetina
  • policlorobifenili
  • gomma industriale
  • pesce salato alla maniera cinese
  • infezione da Schistosoma haematobium
  • fuliggine

Fonte e foto: IARC
Disclaimer

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.