Home / Salute / Alimentazione / Dieta paradossale e dieta gift: per chi ingrassa senza mangiare

Dieta paradossale e dieta gift: per chi ingrassa senza mangiare

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

dieta paradossale dieta gift

Oggi parliamo di dieta paradossale, un regime che aiuta quanti non riescono a dimagrire malgrado i tanti e innumerevoli sforzi. Ingrasso senza mangiare molto: perché? Quanti si sono posti questa domanda alle prese con una dieta da fame, rigida ed eccessivamente ipocalorica, fatta solo di rinunce ai propri cibi preferiti e di misere insalatine. La risposta al fallimento delle diete ipocaloriche sta proprio nello stress insostenibile a cui condannano l’organismo e la mente, associando il cibo, il nostro principale alleato, a un nemico da combattere, a un orpello a cui rinunciare, al disagio, alla vergogna, al dolore.

Il cervello finisce con il desiderare più intensamente proprio i cibi proibiti. Le privazioni continue e prolungate hanno altri due grossi effetti negativi sul fisico: rallentano il metabolismo e provocano fame nervosa e abbuffate che vanificano ogni sforzo. La dieta paradossale mira a far uscire chi ingrassa senza mangiare molto da questo circolo vizioso.

La dieta paradossale, ideata dallo psicologo Giorgio Nardone, consente di mangiare quello che si desidera ai tre pasti principali, senza limitazioni. Dopo poco tempo i cibi oggetto del desiderio cesseranno di sembrarci così appetibili e attraenti e l’organismo rivolgerà la sua attenzione verso cibi più sani. La dieta paradossale porta dunque a una rinuncia spontanea e senza avvertire sacrifici ai cibi che ci fanno ingrassare, togliendoli dalla lista dei cibi proibiti, più attraenti per il cervello. Dopo un po’ ci stufiamo di quello che possiamo mangiare e abbiamo sempre a disposizione e torniamo a desiderare cibi più nutrienti. Provate a mangiare pizza per tre giorni di fila: dopo un po’ non avvertite il bisogno di un pasto leggero, meno unto e più sano? Proprio su questo principio si basa la dieta paradossale che sta avendo sempre più successo in tutto il mondo.

Dalla dieta paradossale alla dieta gift, tre regole: Mangia, muoviti, ama.

La dieta gift, sviluppata dal dottor Luca Speciani, sposa i suggerimenti iniziali della dieta paradossale, proponendo un modello che può essere seguito per sempre, che elimina ogni restrizione calorica e si concentra sulla qualità dei cibi piuttosto che sulle quantità. Le restrizioni caloriche, infatti, non fanno altro che interferire con il corretto funzionamento dell’organismo, causando ulteriori problemi di salute e disfunzioni che ostacolano il ritrovamento della forma fisica.

La dieta gift prevede: tre pasti al giorni con una colazione molto ricca; mangiare in abbondanza, lentamente, senza sensi di colpa e in un ambiente tranquillo, fino a sentirsi sazi; muoversi più a lungo e con maggiore frequenza. Queste tre semplici regole spingono l’organismo a uscire dalla condizione di perenne emergenza a cui lo condannano le diete ipocaloriche e a bruciare più calorie. Ovviamente bisogna mangiare cibi sani, puntando su alimenti come carne; pesce; legumi; frutta; verdura; cereali integrali; uova; semi.

Dopo una prima fase di dieta paradossale, una disintossicazione psicologica dai dettami delle diete di restrizione, bisogna concentrarsi sulla qualità dei cibi, sostituendo ai cereali raffinati, ai dolci, agli zuccheri e ai prodotti confezionati, alimenti più sani e nutrienti, ricchi di proteine, grassi buoni e vitamine.

Mangiare fino a sazietà questi alimenti senza preoccuparsi delle calorie, porterà l’organismo a rilasciare leptina, un ormone che spinge a consumare calorie invece che a immagazzinarle. Questo ormone comunica al nostro corpo che c’è cibo a sufficienza e che non occorre accumularne, a differenza delle diete ipocaloriche che lanciano il segnale opposto all’organismo.

La perdita di peso osservata da chi segue queste diete, infatti, non corrisponde a un miglioramento della salute e non provoca una reale perdita di peso. Dimagrire velocemente senza mangiare e senza allenarsi equivale a una perdita di massa magra e di fatto porta a ingrassare e a essere fuori forma, malgrado l’illusorio e temporaneo dimagrimento osservato. Non a caso molte persone alternano rapidi dimagrimenti ad altrettanto rapide riprese del peso perduto con gli interessi, fino ad ammalarsi di obesità, sconvolgendo tutti gli equilibri ormonali dell’organismo.

Se non mangiamo le ossa diventeranno più fragili, la tiroide rallenterà e rischieremo la depressione a causa dello stress e della mancanza di cibo. Gli animali, tranne quelli nutriti dall’uomo, non sono mai grassi perché mangiano a sazietà e solo quello che gli serve, non alimenti scarsamente nutrienti e nocivi come merendine e bibite gassate. Gli animali si fermano quando sono sazi e hanno un rapporto più naturale con il cibo. Se hanno fame, mangiano: non ingurgitano litri di acqua a stomaco vuoto o si condannano a digiuni forzati.

La dieta gift porta a un dimagrimento lento ma sano e duraturo nel tempo, incitando a dormire a sufficienza; a rilassarsi e fare attività fisica divertente, basta anche fare lunghe passeggiate a passo veloce, per mandare all’organismo segnali positivi: siamo sani, ci muoviamo, mangiamo, non c’è niente che non va. Le diete ipocaloriche, invece, fanno sentire depressi e svogliati e spingono all’inattività, condannando la dieta al fallimento. Inoltre, non potendo essere protratte a lungo per motivi di salute, portano a riprendere i chili persi non appena si ricomincia a mangiare normalmente. Lavorando sulla sostituzione dei cibi poco salutari con alimenti sani e nutrienti si ottiene invece l’effetto contrario. L’organismo ha tutto ciò di cui ha bisogno per funzionare al meglio e inizia a bruciare energie con fiducia, facendo sentire vivi, appagati e felici e permettendo di dimagrire senza sforzi.

Fonti: La dieta paradossale di Giorgio Nardone; Mangia muoviti ama di Giorgio Nardone e Luca Speciani
Foto: Photl

Disclaimer

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.